Diversi tipi e generazioni di tubi immagine per visione notturna.

30 settembre 2020

 

Il Night Vision Tube è un dispositivo unico con il quale il dispositivo di visione notturna può funzionare. Proprio come molti altri elementi, sono divisi in generazioni e tipi. In questo articolo, ti diremo le informazioni teoriche di base sulle generazioni di tubi per immagini per la visione notturna. Un tubo a raggi o tubo intensificatore di immagine (IIT), nella sua essenza, è un dispositivo fotoelettronico sottovuoto che converte un oggetto invisibile all'occhio (in infrarossi, ultravioletti e raggi X) in un'immagine visibile o per aumentare (amplificare) la luminosità dell'immagine visibile. Sono utilizzati nei dispositivi di visione notturna, che è la caratteristica principale per cui le generazioni NV differiscono.
L'azione si basa sulla conversione di un'immagine ottica oa raggi X in un'immagine elettronica utilizzando un fotocatodo e quindi un'immagine elettronica in un'immagine luminosa (visibile) ottenuta su uno schermo a catodoluminescenza. L'immagine dell'oggetto viene proiettata sul fotocatodo con l'ausilio dell'obiettivo IIT EOS.
Si distinguono IIT a telecamera singola e multicamera (cascata); questi ultimi sono una tale connessione sequenziale di due o più EOS ITT a telecamera singola, in cui il flusso luminoso dallo schermo del primo IIT (cascata) è diretto al secondo catodo, ecc. Secondo la terminologia accettata dal mondo EOS IIT sono classificato in cinque generazioni - I, II, III, (con alcuni stadi intermedi I+,II+).

Gen 1+


La caratteristica distintiva di questi dispositivi è che l'immagine al centro è più chiara e presenta meno distorsioni rispetto ai bordi. Inoltre, se sono in vista sorgenti luminose intense come torce elettriche, finestre luminose di casa, ecc., possono illuminare l'intera immagine, impedendoti di osservare. A livelli di luce più bassi, è più comunemente richiesta un'illuminazione a infrarossi (IR) aggiuntiva.

Gen 2+


Strutturalmente, l'IIT di seconda generazione differisce da I+ per la presenza di uno speciale amplificatore di elettroni: una piastra a microcanali. Ci sono due dimensioni di IIT - con MCP: 2 e 25 mm. Dal punto di vista dell'osservatore, le dimensioni maggiori offrono un'osservazione abbastanza confortevole, ma portano anche ad un aumento delle dimensioni del dispositivo. Tutti i dispositivi Gen II hanno una funzione utile per l'osservatore: la regolazione manuale della luminosità, che consente di scegliere il rapporto ottimale tra il guadagno di luminosità e il livello del rumore del dispositivo per ogni specifica situazione di osservazione e adattamento dell'occhio.
Grazie alle migliorie implementate, i visori notturni hanno una risoluzione da 55 a 72 lp/mm e un rapporto segnale/rumore di 16/24;

Sesso 3


La terza generazione utilizza un fotocatodo a base di arseniuro di gallio, che ha aumentato la sensibilità dell'IIT di un ordine di grandezza. La distanza di lavoro è di 300 iarde (275 metri) e l'intensificazione dell'immagine va da 30000 a 50000 volte. La durata è di 10 mila ore. Gen 3 è lo standard "gold" utilizzato dalle truppe della NATO. L'intensificatore di immagine è costituito da un fotocatodo a base di GaAs ad alte prestazioni collegato a una finestra di ingresso in vetro, un amplificatore di corrente con una piastra a microcanali (MCP) e uno schermo fluorescente P-43 applicato a una finestra di uscita in fibra ottica non invertente. Il fotocatodo di terza generazione è molto sensibile ai bassi livelli di luce visibile e soprattutto al vicino infrarosso. Il tubo ha una durata media di 3 ore di funzionamento continuo.

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito web più facile da usare. Utilizzando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni sulle impostazioni dei cookie Informativa sulla Privacy Inteso